Smartphone caduto in acqua: è possibile rimanere folgorati?

Mercoledì 12/12/2018 15:30
In questi giorni anche molte testate italiane si sono affrettate a collegare un decesso avvenuto in vasca da bagno (nella fattispecie quello dell'atleta russa Irina Rybnikova) con la caduta in acqua di uno smartphone (nel caso di specie un Apple iPhone).
Un dispositivo mobile caduto in acqua che riesce a folgorare un individuo è qualcosa che fa certamente notizia e che da molti viene utilizzato per acquisire visibilità sul motore di ricerca così come su Google News ma è qualcosa che non può corrispondere al vero.
Le cause di decessi incredibili, per i quali esprimiamo il nostro più profondo dolore, come quello della Rybnikova, non sono quindi certo riconducibili a uno smartphone in sé: cerchiamo di spiegare brevemente il perché.

Uno smartphone caduto in acqua non può folgorare nessuno

Purtroppo in molti sono soliti portare i propri dispositivi elettronici anche nei luoghi più assurdi. Sì, anche in bagno. Ma cosa succede se lo smartphone cade in acqua? Assolutamente nulla, tralasciando gli eventuali danni legati al funzionamento del dispositivo mobile.


In uno smartphone non ci sono cavi a 220V che percorrono l'intera struttura del telefono e ogni singolo caricabatterie consta di un'uscita isolata rispetto all'ingresso.
Come sappiamo (l'abbiamo visto anche nell'articolo Carica batteria veloce: cosa cambia con i vari dispositivi), l'uscita di un caricabatterie per smartphone è solitamente pari a soli 5V.

Fonte: www.ilsoftware.it